BART fa causa per annunci che prendevano di mira Elon Musk e la ricerca sulle scimmie del suo laboratorio

Giovedì, un gruppo di medici ha intentato una causa sostenendo che BART ha violato il loro diritto costituzionale alla libertà di parola rifiutandosi di inserire annunci pubblicitari rivolti al dirigente tecnologico Elon Musk su treni e stazioni.

La causa, intentata dal Board of Physicians for Responsible Medicine contro l’agenzia di trasporti, sostiene che BART abbia violato il Primo Emendamento rifiutandosi di consentire alle organizzazioni non profit di mostrare annunci che chiedevano a Musk di pubblicare video di esperimenti con le scimmie da laboratorio nella sua “interfaccia cervello-computer” Neuralink azienda.

BART ha dichiarato giovedì che “mantiene le linee guida sul contenuto degli annunci per stabilire standard uniformi e neutri per la visualizzazione degli annunci in tutte le strutture BART”.

Neuralink impianta chirurgicamente elettrodi simili a capelli nel cervello delle scimmie rhesus. Un video Neuralink dell’aprile 2021 mostrava che una scimmia a cui erano stati impiantati i due elettrodi cerebrali dell’azienda era in grado di giocare a giochi per computer con il solo cervello. In un articolo del 2019 pubblicato sul Journal of Medical Internet Research, i ricercatori hanno affermato che “Elon Musk e Neuralink hanno affrontato con successo un grave problema che ostacola la prossima generazione di interfacce invasive cervello-computer” e che la tecnologia ha il potenziale per ripristinare il tecnologia utilizzata Le malattie interrompono le connessioni cerebrali, come l’Alzheimer.

L’azienda afferma che la sua tecnologia potrebbe un giorno superare la paralisi e le malattie neurologiche negli esseri umani, consentendo alla fine agli esseri umani potenziati dal computer di sconfiggere l’IA se supera le capacità umane.

I medici contro i test sugli animali hanno ottenuto 700 pagine di documenti veterinari all’inizio di quest’anno dall’Università della California, Davis, che ha tenuto e curato le scimmie da laboratorio di Neuralink fino al 2020. Le scimmie hanno sofferto di frequenti infezioni batteriche, dita mancanti, ferite stillanti, disturbi digestivi sanguinolenti e comportamenti stressanti tra cui il rifiuto di mangiare, come hanno mostrato i documenti. Agli animali sono stati somministrati farmaci da un elenco di 40 farmaci, tra cui antidolorifici oppioidi come fentanil, ketamina, sedativi, farmaci antinfiammatori, antibiotici e pentobarbital, che viene utilizzato per l’eutanasia. La morte di una scimmia era collegata alla colla che filtrava nel suo cervello.

Musk e Neuralink non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento sulla causa e sul trattamento della scimmia. L’azienda, che è stata fondata a San Francisco nel 2016 e ha un laboratorio di test sugli animali a Fremont, ha dichiarato in un post sul blog sul deposito della UC Davis che è “assolutamente impegnata a fare le cose nel modo più umano ed etico possibile. modo di lavorare con gli animali”. E “come operatori sanitari, abbiamo la responsabilità di garantire che la loro esperienza sia il più pacifica, schietta e gioiosa possibile”. cui vengono allevate 4.000 scimmie per l’allevamento e la ricerca e tutte le leggi e i regolamenti sono rispettati.

Neuralink ha reclutato per una struttura di ricerca sugli animali apparentemente nuova ad Austin, in Texas, tra cui specialisti in dispositivi impiantati e studio di cadaveri. L’azienda ha 22 scimmie presso la UC Davis, dove un team di medici ritiene che 15 siano morte, sette delle quali sono state trasferite al laboratorio Neuralink nel campus degli uffici di Fremont nel dicembre 2020. Il rapporto dell’USDA mostra che Neuralink sta portando più scimmie a Fremont, dove ne ha 13 nel febbraio 2021. Ce n’erano 12 a gennaio e marzo di quest’anno, secondo i registri delle ispezioni dell’USDA.

Mentre gli sperimentatori di Neuralink hanno filmato il loro lavoro, la società, che è al timone del CEO Musk, ha rilasciato solo promozioni “appositamente selezionate e modificate”, afferma la causa intentata dal gruppo di medici.

L’annuncio proposto dal gruppo del dottore mostra una scimmia che stringe una gabbia di metallo e dice: “ELON MUSK: pubblica un video! Cosa stai nascondendo?” e ​​include un collegamento a un sito Web chiamato “StopMonkeyExperiments”.

A metà marzo, il gruppo ha contattato il responsabile pubblicitario di BART, ha mostrato l’annuncio pianificato e ha cercato di mostrarlo, ha affermato la causa. L’agenzia ha respinto l’annuncio, dicendo che violava due delle sue politiche pubblicitarie, ha affermato la causa. BART ha detto al gruppo che l’annuncio implicava “l’appropriazione indebita di nomi o somiglianze e descrizioni false” e “l’uso non autorizzato del nome di un individuo per implicare illeciti e controllo diretto sul materiale”, ha affermato la causa. BART ha affermato che l’annuncio ha anche violato una politica che vieta la pubblicità rivolta a “figure politiche note e quindi potenzialmente controverse”, secondo la causa. BART ha detto al gruppo di “considerare Elon Musk una figura politica basata sulla sua diretta lobby e schiettezza su questioni politiche segnalate in modo prominente”, ha affermato la causa.

La causa afferma che l’agenzia di trasporti si sta concedendo “discrezione illimitata” per vietare gli annunci.”A causa di considerazioni soggettive non presentate nell’ingiunzione politica, BART può considerare qualsiasi individuo come una ‘figura politica'”, afferma la causa. Inoltre, perché Musk, che è anche l’amministratore delegato della società di auto elettriche Tesla e della società missilistica SpaceX –già discussione aperta Non aveva diritto alla privacy nell’esperimento Neuralink e il team di medici non ha agito “in malafede” nel progettare l’annuncio, ha affermato la causa.

Leave a Comment

%d bloggers like this: