c’è un problema (…)

Le Monde, Franceinfo, Courrier International, Huffington Post…

Questo è un effetto collaterale altamente mirato ma molto fastidioso: mestruazioni ritardate, flusso alterato o più doloroso, sanguinamento nelle donne in postmenopausa… da diversi mesi, testimonianze di persone con disturbi mestruali dopo aver iniettato una o più dosi di un vaccino mRNA contro il COVID- 19 si sta diffondendo ampiamente sui social, ma non solo. Account instagram francese “spmtamere” [ndlr : pour « syndrome prémenstruel »] Lo ha ripetuto in particolare l’8 gennaio 2022, attraverso un post che ha raccolto circa 566 commenti [1]. Oltre alle varie disfunzioni segnalate, possiamo leggere anche dell’ansia e della solitudine che provano queste donne nell’attesa di risposte. Finora, cosa sappiamo esattamente del verificarsi di irregolarità mestruali in tempi di pandemia? Indica questa rassegna della stampa, degli studi scientifici e dei dati di farmacovigilanza disponibili.

24 febbraio 2021. L’allerta è stata lanciata su Twitter dall’antropologa medica americana Kate Clancy: dopo aver ricevuto una dose del vaccino Moderna, si è resa conto che le sue mestruazioni erano anormalmente abbondanti. Centinaia di reazioni e testimonianze simili sono seguite in risposta al suo tweet. Pochi mesi dopo, a maggio 2021, passaporto sanitario Ha affrontato questo argomento e ha trasmesso quest’altro stupore a Victoria Mill, immunologa riproduttiva dell’Imperial College di Londra: le donne in postmenopausa, le persone che assumono ormoni per fermare il ciclo, ma anche gli uomini transgender le avrebbero detto di aver notato un’emorragia dopo aver ricevuto una dose di il vaccino contro il coronavirus. [2]. Ad agosto è stata la volta di franceinfo Per prestare attenzione a questi molteplici avvertimenti, ma questa volta da un punto di vista “vero o falso”: Che cos’è veramente? il sito chiede. Dove abbiamo appreso che l’Agenzia nazionale per la sicurezza dei medicinali e dei prodotti sanitari (ANSM), che fornisce in particolare la farmacovigilanza sui vaccini contro il virus Covid, è stata individuata per la prima volta il 30 luglio 2021″ “Segnale potenziale” dietro i casi segnalati di irregolarità mestruali post-iniezione (…) e non è un collegamento ufficiale consolidato “Se l’agenzia non vuole rispondere.” Ordini da Franceinfo “Tuttavia, lei identifica nella sua nota esplicativa che questi effetti sono” in modo schiacciante non serio attraverso il canale, continua Franconfo, almeno 27.501 segnalazioni – su 43,4 milioni di persone vaccinate – sono state raccolte dalla controparte inglese dell’ASNM. Perché, ” Mestruazioni abbondanti del solito, mestruazioni tardive o sanguinamento vaginale imprevisto È un medico serio? Per Jackie Nizard, ostetrico-ginecologo intervistato per l’occasione, Anomalia minore Lo aggiunge Questa non è una complicazione grave, che porta le donne al pronto soccorso » [3]. Da notare che, da allora, la Federazione Nazionale di Medicina dello Sport è diventata la stessa” Aggiungi i disturbi mestruali all’elenco dei possibili effetti avversi [aux vaccins anti-Covid] ‘, mostrato Francia blu [4].

studio norvegese…

Nuovo aggiornamento di stato, 21 dicembre 2021: finora, rapporti Lo scienziatoANSM afferma che sebbene a Tante notifiche ” Ricevere, ” I dati disponibili non consentono di stabilire un collegamento diretto tra un vaccino e la sua presenza [de perturbations menstruelles] “È chiaro che c’è ancora motivo di preoccupazione perché” Principalmente eventi non gravi, a breve termine e autolimitanti » [5]. La stessa storia viene dall’Agenzia europea per i medicinali, lo sa Francia blu. Ma per uno dei suoi amministratori, Georgi Genov, la mancanza di un legame diretto non toglie ” Necessitano Per condurre ulteriori studi su questo argomento, fornito Tra le altre cose, misurazioni delle concentrazioni ormonali Lo stesso documento fa riferimento allo studio svelato lo stesso giorno dal Norwegian Institute of Public Health: condotto su 6.000 donne di età compresa tra i 18 e i 30 anni, e ha rivelato che « I disturbi mestruali sono più comuni dopo la vaccinazione Poiché questi risultati non sono stati ancora presentati per la revisione tra pari, i loro autori si affrettano a sottolineare che lo sono Necessità di essere confermato da altri studi “.

… poi l’America

Dobbiamo aspettare fino al 5 gennaio 2022 e pubblicare sulla rivista scientifica uno studio americano finanziato dal National Institutes of Health (NIH) Ostetricia e Ginecologia, scoprire di più. dalla rivista Lo scienziato Persino Esprimere tramite mensile Scienza e futuroTutte queste informazioni inviate da AFP: La vaccinazione può interrompere le mestruazioni ma senza rischi reali ‘, in modo che il titolo sia Pubblicazione Il sette dello scorso gennaio. Come indicato tra l’altro Huffington PostNello studio, gli scienziati hanno studiato la durata del ciclo di 2.403 donne vaccinate – la maggior parte con Pfizer (55%), ma anche con Moderna (35%) e Johnson & Johnson (7%) – di età compresa tra 18 e 45 anni che non lo erano. usando contraccettivi. Per fare ciò, hanno analizzato i dati forniti in Natural Cycle, un’app che è stata verificata dalla Drug Administration statunitense e utilizzata per monitorare un ciclo. Lo hanno quindi confrontato con i dati di un gruppo di controllo di 1.556 persone non vaccinate. I risultati più noti sono relativi all’allungamento del ciclo mestruale delle persone vaccinate: Nel gruppo vaccinato è stato osservato un aumento della durata [ndlr : après administration d’une première dose]E il Ma meno di un giorno (0,64 giorni) Dopo la seconda iniezione, il ciclo mestruale è stato prolungato in media di 0,79 giorni, per quanto riguarda il periodo pre e post iniezione, rimane invariato. molto sicuro Allison Edelman, MD, professoressa di ostetricia e ginecologia presso la Oregon Health & Science University e autrice principale dello studio. Sottolinea inoltre che questo cambiamento è dovuto in parte al fatto che ” Il sistema immunitario e il sistema riproduttivo sono interconnessi “… e vaccini che causano una forte risposta immunitaria”, orologio biologico Responsabile della regolazione del ciclo mestruale interessato [6]. È chiaro che la risposta immunitaria al vaccino, piuttosto che il vaccino stesso, sarà la causa di questi disturbi.

Disparità di genere

Il 10 gennaio 2022 è il turno dei media Nomirama Per trasmettere i risultati dello studio. Se ha indicato fin dall’inizio che quest’ultimo ” Sosteniamo fortemente che le donne con mestruazioni vengano vaccinate D’altra parte, sottolinea che tutti i disturbi mestruali di cui soffrono le donne” Non completamente spiegato “. così, ” peggioramento dei sintomi mestruali “, Da ” sanguinamento inaspettato “o qualche” variazioni qualitative e quantitative dei flussi dati mancanti. Tanto più che non è la prima volta che un vaccino provoca disturbi ormonali: “ Nel 1913 si scoprì che la vaccinazione contro il tifo era collegata a mestruazioni irregolari ‘, per informare un post sul blog Fatti biomedici (Lo scienziato), amministrato dal medico Marc Gozlan. Lo stesso vale per la vaccinazione contro l’epatite B o HPV. [7]. Il problema, osserva l’autore, è il follow-up delle sperimentazioni cliniche del vaccino. Di solito non comporta la ricerca di irregolarità nel ciclo mestruale o sanguinamento, il che rende difficile determinare se questi cambiamenti siano una coincidenza o un possibile effetto collaterale dei vaccini. Secondo lui, quindi sarebbe il caso di emettere Informazioni chiare e trasparenti su [ces] Possibili ripercussioni » [8]. Perché in loro assenza si sono diffuse voci negli ambienti della cosiddetta “prevenzione della vaccinazione” e/o del “complotto”: così come l’affermazione che la vaccinazione nuoce alla fertilità di donne e uomini; Una teoria largamente smentita dalla comunità scientifica. Per non parlare della forte dimensione sociale di questo tema della salute delle donne. Pertanto, il giornalista di Nomirama, continua a invitarci a interrogarci ulteriormente su ” Interruzioni del ciclo in questo periodo di pandemia (…) altrimenti le donne potrebbero risentire della disuguaglianza di genere » [9]. come rivelato posta internazionalelo stress causato dalla pandemia di Covid-19 avrebbe già portato ad altri ‘disturbi’ mestruali: con, anche lì, ‘ periodi precoci o tardivi, [des] Sintomi più evidenti o [des] Grave sanguinamento La conclusione di questo studio pubblicata sulla rivista Fertilità e sterilità : ” Questi cambiamenti possono influenzare il benessere di una donna, soprattutto per coloro che cercano di concepire. » [10]. Comprendiamo che l’argomento va oltre l’informazione delle donne sui potenziali effetti collaterali di questo o quel vaccino, ma che la ricerca medica e la società in generale devono prendere sul serio la salute delle donne. È dicembre 2021, Giornale internazionale di epidemiologia Stava già suonando l’allarme: La mancanza di una ricerca di alta qualità incentrata su Covid-19 e sul ciclo mestruale riflette l’obiettivo più ampio della ricerca medica, che non dà priorità alla salute delle donne, in particolare al di fuori del contesto della gravidanza. La scoperta che i cicli mestruali sono stati apparentemente colpiti dalla pandemia di COVID-19 potrebbe avere importanti implicazioni per la società, la disuguaglianza di genere e la ripresa economica post-Covid. » [11]. In breve, per le donne, è una specie di doppio rischio.

Laura Martin Mayer.

Leave a Comment

%d bloggers like this: