Covid, si vaccina con Nuvaxovid: «Senza Green pass non potevo neanche più entrare in un negozio»

Rossella, prima vaccinata con Nuvaxovid a Rovigo (Biasioli)

«Non sono una no vax eh, sia chiaro». Si definisce così Rossella, altopolesana di Ceneselli che lunedì pomeriggio è stata una delle prime in Veneto a sottoporsi al Nuvaxovid, vaccino sviluppato dalla socialetà di biotecnologie americana Novavax. Si tratta di un vaccino basato sulla tecnologia delle proteine ​​ricombinanti, già usato per quello contro l’epatite B e il papilloma virus, e che per questo dovrebbe convincere anche gli scettici. Si tratta del quinto vaccino ad essere approvato in Italia contro il Covid-19, dopo quelli di Pfizer Biotecnologie, Moderno, Astra Zeneca e Johnson & Johnson.


«Non ho bisogno di lavorare»

A «convincere» Rossella a vaccinarsi con il Nuvaxovid sono stati tanti fattori assieme: «Ma non quello del lavoronon ho bisogno di lavorare, per fortuna. Non ho mai avuto niente a contrario al vaccino, lo preciso subito. Però – spiega Rossella – io soffro di allergia, per cui mi sono preoccupata degli effetti che gli altri vaccini per il Covid-19 potrebbero provocare. Poi ho contratto il virus, sono andata avanti per un po’ di mesi con il Green pass da guarigione. Alla fine del 2021 ormai Rossella era pronta a vaccinarsi, ma stavolta c’è stato un altro inconveniente. «Mio marito ha preso il Covid-19, ero in quarantena e non ho potuto vaccinarmi».

L’attesa

Si è così arrivati ​​al 2022 ed alla stretta imposta dal governo Draghi con la serie di restrizioni legate al Green Pass. A quel punto Rossella, libera di muoversi dopo la guarigione del marito ma «scoperta» dal punto di vista della vaccinale, ha deciso: «Non potevo neanche più entrare in un negozio per un acquisto, un disastro. Allora ho deciso di resistere fino all’arrivo del Nuvaxovid, che mi sembra più sicuro come tecnologia e che è stato più meditato e stdiato rispetto agli altri vaccini». Rossella ha voluto tempo: “Ho voluto venire a Rovigo perché altrimenti dovevo attendere giovedì per essere vaccinata al San Luca a Trecenta, che è molto più vicino a dove sto”.

La newsletter del Corriere del Veneto

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie del Veneto iscriviti gratis alla newsletter del Corriere del Veneto. Arriva tutti i giorni direttamente nella tua casella di posta alle 12. Basta cliccare qui.

28 febbraio 2022 (modifica il 28 febbraio 2022 | 19:56)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Leave a Comment

%d bloggers like this: