Gli azionisti di Tesla cercano di convincere Elon Musk a smettere – KION546

Di Ramisha Maarouf, CNN

Elon Musk vuole che tutti credano che abbia effettivamente ottenuto il denaro assicurato per il recupero privato di Tesla nel 2018. Ma il gruppo che lo ha citato in giudizio per tale affermazione dice che non lo aveva, e la Securities and Exchange Commission e un giudice federale sono d’accordo.

Musk fa questa affermazione mentre affronta una causa contro gli azionisti per un tweet ormai famigerato in cui affermava di avere “finanziamenti garantiti”. Allo stesso tempo, sta anche cercando di acquisire un’altra società tecnologica, in particolare Twitter, che ha una fonte di fondi non ancora rivelata.

Gli azionisti di Tesla che hanno citato in giudizio Musk per frode non sono contenti dei suoi commenti. In una dichiarazione in tribunale venerdì, hanno chiesto al giudice del loro caso di mettere la museruola al CEO Al-Saad twittando.

Gli azionisti hanno anche affermato che un giudice federale ha trovato Musk tweet 2018 In cui affermava di avere il finanziamento per prendere Tesla in privato era falso e fuorviante. Musk alla fine si è accordato con la US Securities and Exchange Commission sui tweet, si è dimesso da presidente di Tesla e ha accettato di supervisionare il suo uso dei social media.

“Sono stato costretto a farlo [to lie] “Per salvare la vita di Tesla, questa è l’unica ragione”, ha detto Musk in una conferenza TED a Vancouver giovedì. Ha continuato a confrontare l’esperienza con qualcuno che punta una pistola alla testa del proprio figlio.

Nei tweet del 2018, il CEO di Tesla ha affermato che sta valutando la possibilità di rendere Tesla privata a $ 420 per azione e che si è assicurato finanziamenti per farlo. Dopo il suo tweet, le azioni di Tesla sono aumentate di oltre il 6%, prima di crollare la settimana successiva. Gli investitori hanno intentato una causa contro il miliardario, sostenendo che i tweet di Musk “hanno causato notevole confusione e sconvolgimento nel mercato azionario di Tesla e causato danni agli investitori”.

All’udienza del tribunale di venerdì, gli investitori di Tesla che hanno citato in giudizio Musk hanno affermato che il giudice del caso aveva acconsentito alla loro affermazione secondo cui Musk aveva consapevolmente rilasciato false dichiarazioni quando aveva twittato di assicurarsi un finanziamento sicuro per un tale accordo.

Il deposito si riferisce a un’ordinanza del 1° aprile del giudice distrettuale statunitense Edward M. Chen che non figurava all’ordine del giorno.

Secondo il profilo dell’investitore, riportato per la prima volta da Bloomberg, Chen ha convenuto che “nessuna giuria ragionevole troverebbe i tweet di Musk del 7 agosto 2018 accurati o non fuorvianti”.

Il deposito di venerdì da parte degli investitori è una proposta di ordine restrittivo temporaneo per impedire a Musk di parlare pubblicamente del caso fino a dopo il processo. Gli avvocati affermano che i commenti pubblici di Musk potrebbero influenzare potenziali giurati perché sta facendo un “tentativo impreciso di scagionarsi davanti al tribunale dell’opinione pubblica”.

“Nonostante le conclusioni di questo tribunale, la Securities and Exchange Commission e il suo consenso scritto, Musk si è impegnato in una campagna pubblica di alto profilo per presentare una narrativa contraddittoria e falsa”, secondo il deposito.

La richiesta di ordine restrittivo arriva dopo che Musk ha dichiarato pubblicamente a una conferenza TED di non aver mentito nel suo tweet del 2018.

In una conferenza TED a Vancouver, Musk ha definito “bastardi” la Securities and Exchange Commission in relazione a un accordo per frode sulla sicurezza che ha raggiunto con l’agenzia in relazione allo stesso tweet del 7 agosto 2018 2018. Ha raddoppiato per dire che si era davvero assicurato finanziamento e aveva solo acconsentito all’accordo, perché se non lo avesse fatto, le banche avrebbero smesso di fornire capitali e Tesla sarebbe fallita.

Gli aggiornamenti sulla questione degli azionisti arrivano dopo l’offerta shock di Musk di acquistare Twitter, di cui attualmente possiede circa il 9,6% delle azioni. Il consiglio di amministrazione di Twitter ha promulgato un piano di “pillola velenosa” che potrebbe rendere difficile per Musk prendere il controllo dell’azienda.

L’avvocato dell’investitore, Adam Upton, ha detto alla CNN che si aspetta che l’ordine del giudice venga pubblicato presto.

“Non vediamo l’ora di provare il resto del nostro caso al processo e di recuperare i danni per conto della classe”, ha detto Upton in una dichiarazione alla CNN Business.

L’avvocato di Musk ha insistito sul fatto che il CEO di Tesla avrebbe potuto rendere l’azienda privata.

“Niente cambierà mai la verità, ovvero che Elon Musk stava pensando di rendere Tesla privata e potrebbe esserlo”, ha detto Alex Spiro in una dichiarazione alla CNN Business. “Tutto ciò che rimane dopo mezzo decennio sono avvocati di querelanti casuali che cercano di fare soldi e altri che cercano di impedire che questo fatto emerga, il tutto a scapito della libertà di espressione”.

Chris Isidore di CNN Business ha contribuito a questo rapporto.

Filo della CNN
™ & © 2022 Cable News Network, Inc. , una società WarnerMedia. Tutti i diritti riservati.

Leave a Comment

%d bloggers like this: