Il boss di Tesla Elon Musk sbatte il democratico Biden su Twitter

Il CEO di Tesla Elon Musk ha criticato l’amministrazione Biden e i Democratici su Twitter venerdì, mentre l’uomo più ricco del mondo ha promesso di nuovo di votare repubblicano.

In un tweet, Musk ha accusato l’amministrazione Biden di “fare tutto il possibile per emarginare” e ignorare Tesla, nonostante il suo predominio nel settore dei veicoli elettrici.

Il tentativo di Musk di acquistare Twitter per 44 miliardi di dollari è sempre più preoccupante e giovedì ha detto che i Democratici lo avrebbero preso di mira in una campagna diffamatoria dopo aver annunciato che avrebbe votato per il candidato repubblicano.

“Ho votato democratico in passato perché sono (principalmente) il partito del bene. Ma sono diventati un partito di divisione e odio, quindi non posso più sostenerli e voterò repubblicano”, ha twittato Musk giovedì.

“Ora, guarda i loro sporchi trucchi che si svolgono contro di me…” ha scritto, terminando il tweet con l’emoji “popcorn”.

Ore dopo, giovedì, Business Insider ha pubblicato un rapporto bomba che descrive in dettaglio come Musk ha esposto i suoi genitali a un assistente di volo di un jet privato per un massaggio completo su un volo SpaceX per Londra, accuse contro un assistente di volo di un jet privato. Si è offerto di comprarle un cavallo perché lei ha acconsentito alle sue presunte richieste sessuali, afferma il rapporto.

Musk ha negato le affermazioni della donna. Insider riferisce che una sua amica ha dettagliato le circostanze in una dichiarazione scritta presentata a sostegno della denuncia della donna al dipartimento delle risorse umane di SpaceX.

Ma né Musk né SpaceX hanno smentito il rapporto di Business Insider secondo cui la società aerospaziale da lui fondata e gestita ha pagato alla donna $ 250.000 in cambio del suo silenzio dopo essersi lamentata del suo presunto comportamento.

Musk ha twittato: “L’attacco a me dovrebbe essere visto politicamente – è il loro playbook standard (spregevole) – ma nulla mi impedirà di lottare per un futuro migliore e il tuo diritto alla libertà di parola”.

Il podcaster democratico Jon Favreau ha risposto a Musk giovedì dopo che Musk ha twittato che si aspettava una “campagna di trucchi sporchi contro di me” dopo aver annunciato che avrebbe votato repubblicano.

“Ehi amico, se vuoi supportare un gruppo di auto elettriche che odiano il cambiamento climatico, dipende da te”, ha twittato Favreau, uno scrittore di discorsi dell’ex presidente Barack Obama.

“Non sono sicuro che aiuterà la causa a cui tu e il tuo team avete dedicato la maggior parte della vostra vita, ma penso che attirerete un po’ di attenzione su Twitter, quindi eccolo qui!”, ha scritto Favreau.

Musk ha risposto venerdì, scrivendo: “Ciao Jon! Sei un bravo ragazzo, ma ovviamente un democratico irriducibile, quindi devi sostenere quel partito, ma questa amministrazione ha fatto tutto il possibile per ignorare e ignorare Tesla, nonostante il fatto che Abbiamo realizzato il doppio dei veicoli elettrici rispetto al resto dell’industria statunitense messa insieme”.

All’inizio di questa settimana, al grande vertice di Miami, Musk ha affermato di classificarsi come un “moderato, né repubblicano né democratico” che ha votato “in modo schiacciante” per la democrazia in passato partigiano.

“Potrei non votare mai repubblicano. Ora, queste elezioni? Lo farò”, ha detto Musk durante l’evento.

“I democratici sono eccessivamente controllati dai sindacati e dagli avvocati del processo, in particolare dagli avvocati delle azioni collettive”, ha affermato.

Un portavoce della Casa Bianca non ha rilasciato commenti immediati.

La faida di Musk con l’amministrazione Biden risale allo scorso agosto. Non è stato invitato alla cerimonia per un ordine esecutivo firmato dal presidente Joe Biden che invitava le case automobilistiche a vendere più veicoli elettrici, ma lo erano i dirigenti di General Motors, Ford e Chrysler.

“Sì, sembra strano che Tesla non sia stata invitata”, ha twittato Musk.

A febbraio è stato riferito che Biden non aveva in programma di invitare Musk alla Casa Bianca per incontri con leader aziendali.

Musk ha detto alla CNBC in un’e-mail lo stesso mese che Biden stava ignorando Tesla a favore delle case automobilistiche tradizionali.

“Il concetto di discordia non è del tutto corretto. Biden ignora sempre Tesla e afferma falsamente al pubblico che GM guida l’industria dei veicoli elettrici, quando in realtà Tesla ha prodotto più di 300.000 veicoli elettrici nell’ultimo trimestre, mentre GM ne ha prodotti 26”, Musk detto in una e-mail in quel momento.

Il mese scorso, Musk, l’amministratore delegato di GM Mary Barra e altri dirigenti automobilistici si sono incontrati con alti funzionari dell’amministrazione Biden per discutere delle stazioni di ricarica per veicoli elettrici.

— Segnalazione aggiuntiva della CNBC Laura Colodney e Brian Schwartz

.

Leave a Comment

%d bloggers like this: