Il mio viaggio ai Giochi del Commonwealth Birmingham 2022

Oggi segnano 100 giorni dal più grande evento multi-sportivo del Regno Unito in un decennio: i Giochi del Commonwealth di Birmingham del 2022!

Come allenatore femminile dell’Inghilterra, preparo i nostri giocatori per grandi partite e vivo i paesi del Commonwealth come allenatore, non come giocatore.

Vorrei sfruttare 100 giorni per scendere come un’opportunità per raccontarvi il mio viaggio come giocatore del Commonwealth, come sono passato all’allenamento e cosa spero di ottenere dai Giochi del Commonwealth di Birmingham del 2022.

Amo il tennis da tavolo e mi ha dato molte grandi opportunità ed esperienze. Penso che sia importante restituire. Ho sempre voluto allenarmi dopo aver finito di giocare a livello professionistico e non vedo l’ora di cercare di aiutare e ispirare le donne e anche le giovani generazioni. Mi piacerebbe poter provare a coinvolgere più donne e ragazze nello sport, così come il risultato dei Giochi del Commonwealth a Birmingham.

Ho avuto la fortuna di essere coinvolto nell’allenamento negli ultimi due anni mentre stavo ancora gareggiando. Durante questo periodo ho frequentato corsi di formazione tenuti a Birmingham e ho ottenuto le mie qualifiche.

Ho trovato i corsi davvero interessanti ed è stato fantastico incontrare altri formatori dove possiamo imparare gli uni dagli altri e scambiare idee tra di loro.

Durante il mio allenamento ho scoperto di aver già imparato molto in così poco tempo, alcune cose che so ora che vorrei sapere quando giocavo!

Ho imparato come impostare le pratiche in un modo più stimolante, ho imparato a conoscere le pratiche intenzionali e mirate e anche la mentalità degli atleti.

L’unica cosa che amo davvero è che puoi sempre imparare, indipendentemente dalla fase del percorso di formazione in cui ti trovi.

Ho avuto molte esperienze diverse dai miei giorni di gioco, alcune buone, altre cattive, ma sento che ognuna ha una curva di apprendimento. Sento di poter utilizzare tutte queste esperienze e condividere le mie conoscenze su come affrontare queste esperienze con il team.

Ho partecipato a competizioni importanti e ho anche avuto la fortuna di competere in giochi multi-sport, quindi di nuovo sarò in grado di sedermi e chattare con le ragazze su cosa aspettarsi, quindi quando arrivano all’evento non lo sono confuso.

Sento di portare alla squadra passione, energia, flessibilità e, naturalmente, le mie esperienze nel tennis da tavolo. Ho sempre sentito che le donne inglesi hanno avuto un grande spirito di squadra sia dentro che fuori dal tavolo in passato (soprattutto sulla panchina della squadra) ed è una cosa su cui sono davvero entusiasta e su cui mi sono concentrato per continuare.

Finora i preparativi stanno andando bene, abbiamo tenuto campi di addestramento mensili presso l’Università di Nottingham e abbiamo in programma alcuni campi futuri e alcune competizioni all’estero.

Una volta scelta la squadra, non vedo l’ora di passare dei bei momenti insieme in cui possiamo davvero andare avanti e lavorare sui dettagli più fini come squadra e coltivare lo spirito di squadra per cui siamo davvero conosciuti.

Ognuna delle due medaglie che ho vinto ai Giochi del Commonwealth significa molto per me, ma per ragioni diverse. Glasgow è stata davvero fantastica e vincere la mia prima medaglia del Commonwealth dopo essere andato vicino al fallimento nelle partite precedenti è stata una sensazione incredibile. Vincerlo con Danny Reed nel doppio misto per completare lo sweep dell’Inghilterra in questo evento è stato fantastico. Vincere la mia prima medaglia con i miei amici e la mia famiglia ha reso tutto così speciale.

La medaglia di bronzo più recente della squadra femminile della Gold Coast è speciale tanto quanto il nostro obiettivo negli ultimi due Giochi del Commonwealth che ci siamo persi in precedenza.

Andare ancora meglio e vincere finalmente la medaglia di squadra è stata una sensazione incredibile, ed è stato davvero il modo migliore per concludere la mia carriera calcistica.

Rappresentare il tuo paese nelle partite casalinghe è davvero fantastico e ho avuto la fortuna di sperimentarlo a Londra 2012. Che tu sia un allenatore o un giocatore, indossare la maglia dell’Inghilterra ed entrare in questa arena è un risultato straordinario e ne sarei orgoglioso andarci da allenatore come se fossi un giocatore.

Auguro il meglio a tutti i giocatori inglesi ai Giochi del Commonwealth! È davvero una grande competizione e sono molto entusiasta di vedere cosa ci porta la competizione.

Leave a Comment

%d bloggers like this: