JIM.fr – Diretto 7 maggio: proroga di un anno la certificazione Covid dell’Unione Europea


Questo orologio giornaliero consente di trovare rapidamente alcune informazioni di riepilogo relative alla pandemia in corso. Trova tutti i nostri articoli su

COVID-19.

17:00 – Proroga di un anno la certificazione UE Covid

Gli eurodeputati hanno adottato mercoledì (4 maggio) con 432 voti favorevoli, 130 favorevoli e 23 astenuti.
Sono state apportate alcune modifiche al testo originale: ora vengono accettati anche i risultati dei test antigenici. In precedenza, era valido solo il test PCR.
Inoltre, i deputati hanno deciso che gli Stati membri non possono aggiungere condizioni per l’ingresso nel proprio territorio oltre al certificato Covid. A meno che non sia assolutamente necessario ».
E se lo desiderano, dovranno fare affidamento sulle ultime raccomandazioni sanitarie del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) e del Comitato per la sicurezza sanitaria (HSC).
Si segnala inoltre che entro sei mesi lo stato di salute sarà verificato da esperti che diranno ai parlamentari se è necessario mantenere il certificato Covid.

16:00 – Gli Stati Uniti limitano l’uso del vaccino Johnson & Johnson per gli adulti

La Food and Drug Administration (FDA) ha annunciato che sta limitando il vaccino Covid di Johnson & Johnson agli adulti che rifiutano di essere vaccinati con Pfizer o Moderna perché ”
preoccupazioni personali “, così come per coloro che non possono ricevere un’iniezione di questi ultimi due vaccini per motivi medici o per accesso limitato. La Food and Drug Administration statunitense considera il rischio di trombosi con trombocitopenia a seguito della somministrazione del vaccino giustificando una restrizione della licenza. Per per questo stesso motivo, la principale agenzia di sanità pubblica del Paese ha raccomandato, i Centers for Disease Control and Prevention, che già a dicembre hanno vaccinato gli americani contro il Covid-19 utilizzando Pfizer e Moderna, anziché Johnson & Johnson.

15 Processo 13 novembre: 1 imputato positivo al Covid-19, nuova sospensione per 1 settimana

Già più volte interrotto a causa del Covid-19, il processo per gli attacchi del 13 novembre è stato nuovamente sospeso venerdì per una settimana e l’imputato è risultato positivo al SARS-CoV-2. Questa nuova interruzione arriva il terzo giorno di una serie di nuove udienze per quasi 90 partiti civili (sopravvissuti agli attacchi che hanno provocato la morte di 130 persone a Parigi e Saint-Denis). Ciò potrebbe portare a un rinvio della sentenza al 29 giugno.

Le due del pomeriggio – La Cina è intransigente con gli oppositori del “virus Corona”

Dopo la riunione del Comitato permanente del Politburo, i media statali hanno riferito che Pechino risponderà a qualsiasi commento o azione” Distorcerebbe, metterebbe in dubbio o rifiuterebbe la sua politica “Lotta al Covid. L’organo ufficiale del Partito Comunista Cinese, il Quotidiano del Popolo, venerdì ha anche attaccato le accuse secondo cui le politiche cinesi stanno sconvolgendo l’economia e il commercio in tutto il mondo.

13 – Prossimamente in arrivo Moderna per i bambini sotto i 6 anni in Europa?

L’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha annunciato giovedì di aver avviato una revisione del vaccino a RNA messaggero di Moderna contro Covid-19 nei bambini di età compresa tra i 6 mesi e il sesto compleanno.
Abbiamo appena iniziato a valutare un’applicazione di Moderna per espandere l’uso di Spikevax ai bambini dai sei mesi ai cinque anni, e questa è la prima richiesta per questa giovane fascia di età. Lo ha detto in conferenza stampa Marco Cavalieri, responsabile della strategia sui vaccini dell’Ema.

12:00 – ” La diminuzione della circolazione di SARSCoV-2 nella regione è aumentata »

Nell’ultimo bollettino settimanale dedicato al Covid, Public Health France rileva: “ Alla Settimana 17 è stata confermata la diminuzione della circolazione SARSCoV-2 nella regione, con confermata una diminuzione dei ricoveri ospedalieri
“.

11:00 – Aggiornamento della situazione nel mondo

Secondo le ultime statistiche pubblicate dalla Johns Hopkins University di Baltimora, dall’inizio dell’epidemia nel mondo sono stati identificati 5.168.615 casi di Covid-19 che hanno contribuito a 6.249.889 morti.Nelle ultime quattro settimane i Paesi più colpiti dal Covid sono , in termini di numero di contagi, Germania (2695736), Corea del Sud (2335145) e Francia (2193679) e di decessi. Stati Uniti (11725), Regno Unito (6493) e Russia (5375).

Leave a Comment

%d bloggers like this: