La solidarietà nel calcio è fondamentale per affrontare le sfide – Presidente UEFA | La UEFA

In un discorso ai rappresentanti delle 55 federazioni affiliate alla UEFA e ad altri attori del calcio, il presidente UEFA Aleksander Ceferin ha sottolineato i momenti straordinari Incoraggiando il successo in circostanze difficili.

Ha espresso la convinzione che il calcio continuerà a dimostrare che “un mondo diverso è possibile, un mondo di resilienza e speranza in cui non tutto è governato dal potere, dal profitto o dal cinismo”.

Il calcio è già in piedi

Il presidente UEFA ha parlato della solidarietà mostrata dal calcio nell’affrontare l’impatto della pandemia di COVID-19 e della minaccia alla cosiddetta Premier League europea separata emersa in vista della conferenza UEFA di Montreux lo scorso anno. .

“Sono orgoglioso”, ha affermato Čeferin, “di aver avuto l’opportunità di lavorare con molte grandi donne e grandi persone negli ultimi due anni.

“Di fronte alle avversità, siamo forti. Insieme troviamo le soluzioni di cui abbiamo bisogno. Quando siamo uniti, siamo impareggiabili e la società vince”.

Čeferin ha descritto la fallita Super League cinese come “un tentativo spudorato da parte di alcuni oligarchi e aristocratici del calcio di lanciare un progetto che potrebbe calpestare tutti i valori del calcio europeo e della società europea”.

Presidente UEFA a Vienna

Risultati audaci e decisioni creative

Il presidente UEFA ricorda come nel 2020 la UEFA abbia messo da parte i propri interessi e rinviato tutte le competizioni per consentire il completamento delle competizioni nazionali in Europa. Ha dichiarato la creatività della UEFA nel rivedere il programma e adattare il formato a tempo di record, progettando la “Final 8” per la UEFA Champions League e l’Europa League.

Ha sottolineato che il calcio è il vincitore, “quando la UEFA ha organizzato con successo il Campionato Europeo maschile durante una crisi sanitaria senza precedenti in 11 paesi; quando l’investimento della UEFA nel Campionato Europeo femminile è quintuplicato rispetto al ciclo precedente; quando la UEFA ha scommesso per aggiustare il suo Formato Champions League femminile, ha concentrato i suoi diritti per riempire uno stadio con più di 90.000 spettatori per assistere a una partita dal potenziale incredibile”.

Il presidente UEFA ha anche ricordato che, in mezzo allo scetticismo diffuso, la UEFA ha coraggiosamente lanciato un’altra nuova e diversificata competizione per club in questa stagione – l’Europa League – “un calcio che amiamo. Un gioco da vivere e da respirare, ci ricorda il calcio in Europa. Il anni ’80”.

Una sana gestione finanziaria e un’assistenza utile

Čeferin ha spiegato che durante il COVID, la UEFA non solo ha incassato tutti i suoi pagamenti di solidarietà durante la crisi economica senza precedenti, ma ha anche effettuato pagamenti anticipati per alleviare la pressione sulle federazioni e sui club nazionali in difficoltà.

Ha proseguito dicendo che la UEFA è solennemente impegnata ad aumentare i pagamenti di solidarietà alle federazioni affiliate nel prossimo ciclo, in particolare attraverso il programma di sviluppo HatTrick, così come i pagamenti ai club, indipendentemente dal fatto che si qualifichino o meno per le sue competizioni.

Il calcio beneficia, ha detto, “quando la UEFA gestisce le sue finanze in modo così rigoroso, può reinvestire più del 97% delle sue entrate nel calcio e spendere meno del 3% delle sue entrate totali in costi operativi”.

ascoltare e difendere l’interesse generale

Mr Čeferin ha elogiato il lavoro “implacabile” svolto per garantire che UEFA EURO 2024 in Germania sia un Campionato Europeo unico, accessibile e sostenibile basato sull’umanità e la solidarietà, nonché lo stretto rapporto instaurato con la European Club Association. Grazie per la tua relazione-“[setting out] Una visione pacifica per il calcio di club per il prossimo decennio”.

Parlando di fair play finanziario, Čeferin ha accolto con favore il sostegno di tutte le parti interessate del calcio europeo per un’importante riforma del sistema UEFA “per garantire il futuro a lungo termine del calcio per club, stimolare gli investimenti e ripristinare l’equilibrio economico”.

La UEFA ha annunciato ieri il formato definitivo e l’elenco degli iscritti per le competizioni per club fino alla stagione 2024/25, anche a seguito di fruttuose consultazioni all’interno del calcio europeo. “Quando la UEFA ha ascoltato la maggior parte dei club, dei tifosi e degli allenatori e ha tracciato il limite una volta per tutte secondo il concetto UEFA di qualificazione basata sui coefficienti”, ha affermato Čeferin, “il calcio è il vincitore.

“In qualità di organo di governo con il dovere e la responsabilità di difendere gli interessi del pubblico e non quelli di pochi, abbiamo deciso di unirci all’ECA e ai club nel sostenere i nostri principi di valori sportivi… e l’obiettivo di mettere prima i nostri interessi”.

Con in mente la fedeltà dei tifosi, il presidente della UEFA ha spiegato che circa 20.000 biglietti gratuiti vengono offerti ai tifosi in alcune delle finali del club di questa stagione – “in riconoscimento della loro lealtà” – così come il calcio maschile offre uno sconto di 10.000 biglietti. Finale di UEFA Champions League.

Il signor Čeferin si è anche preso il tempo di ricordare come importanti misure mediche abbiano salvato la vita del giocatore danese Christian Eriksen durante la partita di Euro 2020 dello scorso giugno contro la Finlandia. “Il calcio – e la vita – vince quando la UEFA adotta un protocollo medico rigoroso per salvare la vita di un giocatore che ha subito un arresto cardiaco in campo”, ha detto.

Mr. Čeferin parla alla riunione regolare della UEFA a Vienna

Mr. Čeferin parla alla riunione regolare della UEFA a Vienna

Prendersi cura del calcio mondiale

Mr. Čeferin ha accolto con favore la formazione di un’alleanza strategica con CONMEBOL, “per celebrare più di 50 anni di amicizia tra il calcio europeo e sudamericano. Questa non è un’alleanza per nessuno. Questa è un’alleanza per il bene del calcio”.

La UEFA, attraverso il Programma di aiuti UEFA, l’Accademia UEFA e il Fondo UEFA per l’infanzia, o semplicemente accettando di ridurre la percentuale di squadre europee che partecipano alla Coppa del Mondo a partire dal 2026, per dimostrare l’impegno della UEFA nella sua partnership con altre federazioni sorelle. l’equilibrio tra i continenti.

spirito di unità

Tornando al piano sventato della Super League, Čeferin ha dichiarato che le federazioni affiliate, i club, le leghe, i giocatori, gli allenatori, i sostenitori, i partner commerciali e televisivi, il Comitato olimpico internazionale, le autorità politiche dell’UE e i governi europei stanno combattendo “contro l’arroganza e il schema sprezzante di miliardari che non possono accettare l’idea che nel calcio – come nella vita – puoi perdere contro qualcuno più giovane di te”.

Il calcio, ha aggiunto, può anche solo trarre vantaggio dal dibattito che la UEFA ha lanciato con i partner e le parti interessate in tutte le competizioni sul suo modello di governance, in particolare attraverso il Patto per il futuro del calcio europeo, lanciato lo scorso settembre.

affrontare il problema onestamente

Il Sig. Čeferin ha sottolineato che, oltre a tutti questi sviluppi positivi, è anche importante riconoscere i fallimenti ei successi. “Abbiamo ancora molti problemi da risolvere prima di poter fare del nostro sport un modello, una fonte di ispirazione più grande di oggi”, ha riflettuto.

La violenza nelle partite di calcio rimane un grosso problema. “Quando la famiglia va a una partita di calcio, è tempo di divertirsi”, ha detto Ceferin. “Le persone dovrebbero sentirsi al sicuro dentro e intorno ai campi da calcio. Non dovrebbero mai sentirsi in pericolo”.

Il presidente della UEFA afferma che occorre fare di più per promuovere e integrare il calcio minoritario a tutti i livelli. “Non è corretto affermare che non c’è razzismo o discriminazione nel calcio”, ha sottolineato. “Esiste nel calcio e nel resto della società. Abbiamo la responsabilità di affrontare questo problema frontalmente.

“Dobbiamo anche prenderci cura della salute fisica e mentale dei nostri giocatori. Dobbiamo adottare misure per evitare che vengano maltrattati sui social media e dobbiamo fornire supporto psicologico per aiutarli a far fronte allo stress”.

Il signor Čeferin ha chiarito la necessità di garantire a tutti la possibilità di giocare a calcio: “i piccoli giocatori possono continuare a giocare contro i giganti e, a volte, sconvolgere il mondo battendoli. Questo è ciò che rende il calcio un gioco così eccezionale”.

Il calcio porta speranza e può fare la differenza

Čeferin ha concluso che i dirigenti del calcio “dovrebbero stare molto attenti a non mordere le mani che li nutrono. Se le loro richieste si spingono troppo oltre, rischiano di rompere il contratto sociale da cui dipende il nostro sport”.

“La società nel suo insieme vince quando il calcio mostra che è possibile un mondo diverso, un mondo di resilienza e speranza, dove non tutto è dominato dal potere, dal profitto o dal cinismo.

“Quando il calcio può contare su leader come te”, ha detto ai membri del comitato esecutivo UEFA e ai rappresentanti delle federazioni nazionali a Vienna, “so che il nostro sport è in buone mani. Spero che possiamo lavorare insieme. Continua a fare in modo che il calcio, il nostro calcio , è un vincitore per molti anni a venire.”

Leave a Comment

%d bloggers like this: