Mali / COVID-19: La vaccinazione con Pfizer inizia lunedì prossimo a Bamako e dintorni

In preparazione all’introduzione del vaccino Pfizer-BioNtech nella campagna di vaccinazione contro il Covid-19 prevista per lunedì 9 maggio, il Ministero della Salute e dello Sviluppo Sociale ha organizzato venerdì 6 maggio una conferenza stampa presso la conferenza di dipartimento. Era sotto gli auspici del suo consulente tecnico Hamdoun Ali Deco.

Dopo Aster Zeneca, Johnson/Johnson, Sinovac e Sinopharm, il vaccino Pfizer è stato introdotto nella campagna di vaccinazione contro il Covid-19 in Mali. Il lancio avverrà lunedì 9 maggio presso il campo di Korovina nel 1° comune della regione di Bamako. Questa nuova fase della campagna consiste nell’immunizzare 100.620 dosi del vaccino Pfizer fornite dall’Ambasciata degli Stati Uniti in Mali.

Con il vaccino Pfizer, il governo di transizione ha ampliato l’obiettivo per includere le persone di età compresa tra i 12 ei 17 anni e le donne in gravidanza e che allattano. ” Questa raccomandazione si basa sulle prove disponibili della sua efficacia e sicurezza negli adolescenti Il capo del comitato scientifico, il professor Seydou Doumbia, ha rassicurato che il vaccino americano è il più utilizzato al mondo. L’obiettivo è vaccinare più del 70% della fascia di età 12-17 anni stimata in più di 13 milioni di persone o il 62,4% della popolazione.

732 morti in Mali

Citando l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il professore di medicina ha osservato che ” Uno studio di fase III su bambini di età compresa tra 12 e 15 anni ha dimostrato un’elevata efficacia e una buona sicurezza in questa fascia di età, estendendo la precedente indicazione da 16 a 12 anni e oltre. Un vaccino, dice, è l’unico modo per combattere la diffusione della malattia. Ecco perché il professor Doumbia ha invitato le persone che non sono immunizzate a vaccinarsi per ottenere l’immunità di gregge. L’unica garanzia ai suoi occhi è quella di sfuggire al terribili conseguenze del Covid-19 che ha ucciso 732 persone in Mali.

Il dottor Ibrahima Diarra, membro del Dipartimento di Immunologia presso la Direzione Generale della Salute, ha spiegato che il vaccino Pfizer richiede una temperatura di conservazione molto bassa che può variare da -80 gradi a -86 gradi Celsius. Grazie alla cooperazione giapponese, il Mali ha beneficiato di 10 apparecchiature ultra fredde attraverso l’UNICEF. ” A causa dei requisiti di queste apparecchiature ultra-raffreddate, sono state tutte installate nel magazzino centrale del Centro nazionale di immunizzazione ‘, un professionista della salute.

Il vaccino Pfizer sarà inizialmente introdotto in sei comuni di Bamako, Kati e Clapan Koro (regione di Kolikoro) e in seguito coprirà altre aree. Hamdoun Ali Deco è stato identificato come consulente tecnico del Ministero della Salute e dello Sviluppo Sociale. Durante la campagna verranno applicate le seguenti strategie di vaccinazione. Questi includono strategie statiche (CSCom, CSRef e ospedali), strategia avanzata, strategia mobile, strategia porta a porta (eccezionalmente), strategie innovative come vaccini a livello di mercato, scuole, scuole superiori, università, ecc.

Si noti che, come altri vaccini, Pfizer verrà vaccinato in due dosi entro 28-48 giorni e non è consentita l’intercambiabilità dei vaccini.

Abderrahmane Sissoko / Maliweb.net

Commenti tramite Facebook:

.

Leave a Comment

%d bloggers like this: