Teqball: come è emerso un giovane sport in Ucraina | Sport | Calcio tedesco e importanti notizie sportive internazionali | Deutsche Welle

Tuttavia, Oleg e Katerina Usichchenko si considerano fortunati.

Oleg gioca a biliardo, uno sport inventato in Ungheria nel 2012, meglio descritto come il calcio su un tavolo da ping pong curvo. Non avrebbe dovuto rappresentare l’Ucraina a Lisbona fino al 25 febbraio, ma a causa della mancanza di voli diretti, lui, sua moglie Kateryna e la giovane figlia Iryna hanno lasciato Kiev il 23 febbraio. La notte successiva iniziò l’invasione russa.

“Siamo stati fortunati”, ha detto Katerina a DW. “Forse Dio. Forse il destino. Qualcosa ci ha salvato.”

La famiglia si è improvvisamente trovata bloccata in Portogallo con quattro giorni di bagaglio a mano e un bambino piccolo. Non potevano tornare a casa, né il resto della squadra ucraina: il compagno di doppio di Oleg Ivan Grom e il gruppo femminile Irina Dubitzka e Anastasia Derek.

“I primi giorni a Lisbona sono stati surreali”, ricorda Ivan. “Non possiamo davvero capire cosa sta succedendo”.

‘Possono contare sul Portogallo e sul biliardino’

Ma la giovane comunità della piscina si è unita. Con l’aiuto della Federazione portoghese di biliardo (FTP), sono stati organizzati alloggi e altre necessità per la squadra ucraina.

“Vogliamo fare tutto il possibile per aiutarli ad alleviare il loro dolore”, ha detto a DW Ray Leitao di FTP. “Vogliamo che si sentano a loro agio ea casa in Portogallo. Sanno che possono sempre contare sulla squadra portoghese e su tutti nella comunità del calcio balilla”.

Gli ucraini Oleg Usychenko e Iryna Dubytska si esibiscono alle inaugurali Teqball World Series.

Tre settimane dopo, mentre l’attacco russo alla loro patria si intensifica e le vittime aumentano, gli ucraini si dirigono a Parigi per le inaugurali Teqball World Series. I loro costi sono stati coperti dalla International Billiards Federation (FITEQ), che ha anche raccolto per loro 2.000 euro ($ 2.200) vendendo all’asta una maglia da calcio.

Jawal El Hajri, presidente della Federazione francese di ping-pong (FNTEQ), ha dichiarato: “Stiamo supportando gli ucraini dal punto di vista logistico e finanziario con cibo, alloggio e viaggi, ma anche psicologicamente. Loro”. “Vogliamo che sappiano che fanno parte del nostro famiglia.”

Fortunatamente, Oleg e Ivan hanno affrontato il Portogallo a Parigi e hanno battuto Rui e il suo compagno Joao Paulo Enrique 12-10, 12-6.

“Ray ci ha fatto rilassare con loro”, ha scherzato Oleg. “Ma quando erano in vantaggio 8-4, pensavamo che Rui ci avesse imbrogliato e abbiamo deciso che era meglio iniziare a giocare seriamente”.

È stato un momento spensierato in una relazione iniziata in circostanze disperate, ma è diventata una stretta amicizia. In questo momento, anche se solo temporaneamente, Oleg e Ivan possono dimenticare la guerra civile.

“Il trickball ci distrae”, ha spiegato Oleg. “A Lisbona era difficile concentrarsi perché era solo il terzo giorno di guerra, ma ora ci siamo abituati. Finché so che i miei amici e la mia famiglia sono al sicuro, non sento niente. Io” Non sono felice, non sono triste, ecco tutto”.

“Teekball è un posto sicuro per noi”

Intanto, nel doppio femminile, Irene e Anastasia hanno iniziato male quando hanno affrontato un pareggio contro il Brasile e la star del biliardo Natalia Gttler nella loro partita d’esordio.

“So quanto sia difficile per loro ora”, ha detto Gittler a DW dopo una vittoria diretta (12-2, 12-2). “Speriamo tutti che le cose migliorino in modo che le ragazze e le loro famiglie siano al sicuro e che possano praticare di più. Il biliardo è ancora uno sport nuovo e c’è ancora molto tempo per migliorare. Spero che stiano tutti al sicuro”.

La star americana Caroline Greco ha aggiunto: “È fantastico vedere tutti riunirsi per applaudire i giocatori ucraini quando annunciano i loro nomi. La comunità del pool è davvero una grande famiglia”.

La Greco e la sua compagna sono state eliminate in semifinale dal duo ungherese Zsanett Janicsek e Lea Vasas, che in finale avrebbero battuto anche Guitler e la sua compagna. Ma per gli ucraini, l’evento è più che semplici medaglie.

“I giocatori e gli organizzatori sono stati davvero di supporto. Ci hanno aiutato con l’alloggio e tutto ciò di cui avevamo bisogno, quindi siamo molto grati”, ha detto Anastasia. “Il Tacquetball è un buon passatempo per noi, ma non possiamo concentrarci completamente perché le nostre menti sono sempre in Ucraina.

“Tuttavia, Tike Ball è un posto sicuro per noi.”

Ivan Grom e Oleg Usychenko rappresentano l'Ucraina a Teqball

Squadra ucraina di doppio di ping pong, Ivan Grom e Oleg Usichchenko

‘Solo dire ‘ciao’ sembra ‘ti amo”

L’atteggiamento della delegazione ucraina a Parigi è di gratitudine, emozione e incrollabile ottimismo per il fatto che un giorno torneranno a casa.

“Quando le persone scoprono che veniamo dall’Ucraina, ci chiedono se abbiamo bisogno di qualcosa; vestiti o cibo, il che è incredibile”, ha detto Katerina Usichchenko. “In realtà non abbiamo bisogno di molto. Ma in questo caso, dire ‘ciao’ e ‘ti amo’ è la stessa cosa. Sappiamo che non siamo soli”.

Tuttavia, voleva andare a casa.

“Francamente, non mi sono mai sentita così patriottica, non sapevo di amare così tanto il mio paese”, ha detto. “Non vediamo l’ora di ricostruire per un futuro più luminoso. Sarà un’Ucraina migliore, un’Ucraina più forte. Il mondo intero sa quanto siamo forti”.

Fino ad allora, sarà con Oleg, Ivan, Anastasiia e Iryna, attorno ai quali la fiorente comunità di Teqball dal Portogallo alla Francia e oltre continuerà a radunarsi.

“La vita deve andare avanti”, ha detto Ivan. “La nostra famiglia e i nostri amici stanno guardando le nostre partite e ci supportano da casa, e sarebbe fantastico se potessimo farli divertire e distrarre”.

.

Leave a Comment

%d bloggers like this: