Tesla ha licenziato un dipendente dopo aver pubblicato recensioni sulla tecnologia senza conducente su YouTube

John Bernal, creatore di AI Addict su YouTube.

Cortesia: AI Addict

Tesla ha licenziato un ex dipendente di Autopilot di nome John Bernal dopo aver condiviso recensioni video sincere sul suo canale YouTube, AI Addict, che mostrano come funziona il sistema Full Self Driving Beta dell’azienda in varie località della Silicon Valley.

Dopo il licenziamento di Bernal, Tesla ha anche interrotto il suo accesso al sistema FSD Beta nell’auto che possiede personalmente, la Tesla Model 3 del 2021, sebbene non ci siano “scioperi” di sicurezza nel software. Ha ancora FSD, il programma di assistenza alla guida premium di Tesla. La tecnologia di Tesla non rende le sue auto a guida autonoma oggi.

L’opzione FSD Beta può essere riassunta al meglio come una suite di nuove funzionalità di assistenza alla guida che non sono state completamente finalizzate o corrette. Il principale tra questi è lo “sterzo automatico in città”, che consente all’auto di navigare in ambienti urbani complessi senza che il conducente debba muovere il volante. I clienti devono prima ottenere l’FSD, che costa $ 12.000 in anticipo o $ 199 al mese negli Stati Uniti, quindi ottenere e mantenere un alto livello di sicurezza del conducente, come determinato dal programma di Tesla che monitora le loro abitudini di guida.

Sebbene Tesla non abbia fornito dettagli scritti che spieghino il motivo per cui è stato licenziato, Tesla e altre società della Silicon Valley spesso promuovono una cultura della lealtà. Le critiche interne possono essere tollerate, ma le critiche in pubblico sono viste come sleali.

Tesla non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento sulla situazione di Bernal.

Le origini del suo canale

Bernal inizia a lavorare Il produttore di auto elettriche Elon Musk come specialista dell’annotazione dei dati nell’agosto 2020 in un ufficio a San Mateo, in California. È stato licenziato nella seconda settimana di febbraio di quest’anno, dopo essere passato al ruolo di operatore di test di sistemi avanzati di assistenza alla guida, secondo i documenti che ha condiviso con la CNBC.

Appassionato di auto per tutta la vita, orgoglioso di lavorare in Tesla, Bernal ha ordinato una Model 3 del 2021 con una batteria a lungo raggio pochi mesi dopo aver iniziato a lavorare lì. Ha ricevuto l’auto il 26 dicembre 2020.

Dice di aver acquistato l’auto in parte perché Tesla offriva ai dipendenti l’accesso gratuito all’FSD – che all’epoca valeva $ 8.000 – come vantaggio. I dipendenti hanno dovuto accettare di concedere all’azienda il diritto di raccogliere in cambio i dati interni ed esterni del veicolo.

Sorpreso da quella che vedeva come “la tecnologia salvavita di Tesla”, ha lanciato il canale YouTube AI Addict nel febbraio 2021 per mostrare cosa poteva fare la versione pubblica della beta di FSD.

La maggior parte dei video mostra il drogato di intelligenza artificiale Bernal che guida per la Silicon Valley con un amico nella sua Tesla, utilizzando le ultime versioni rilasciate della FSD Beta.

Bernal non era il solo a pubblicare le sue esperienze con il programma beta di Tesla. Gli utenti di Tesla FSD Beta come Dirty Tesla, Chuck Cook, Kim Paquette e molti altri si affrettano a dare un’occhiata a ogni nuova versione sui loro canali.

“Mi interessa ancora Tesla”

Quando la società ha licenziato Bernal alla fine del mese scorso, l’avviso scritto di licenziamento non includeva il motivo del suo licenziamento. Ciò è avvenuto dopo che uno dei suoi video ha filmato un viaggio in macchina a San Jose, dove si trova la sua macchina Colonne bussate mentre FSD Beta era impegnata.

Bernal dice che prima di essere licenziato, i manager gli hanno detto verbalmente che aveva “violato la politica di Tesla” e che il suo canale YouTube era un “conflitto di interessi”.

Bernal ha affermato di essere sempre stato trasparente riguardo al suo canale YouTube, sia con i suoi manager Tesla che con il pubblico. Il suo curriculum online su LinkedIn, ad esempio, ha sempre elencato il suo lavoro in Tesla insieme al nome del suo canale YouTube. Bernal ha detto di non aver mai visto una politica che gli impedisca di creare recensioni tecniche per l’auto mentre utilizza la sua proprietà.

Una copia della politica sui social media di Tesla, che è stata fornita da un attuale dipendente, non si riferisce direttamente alle critiche ai prodotti dell’azienda in pubblico. La politica afferma che “Tesla si affida al buon senso e al buon senso dei suoi dipendenti per impegnarsi in un’attività responsabile sui social media”. Elenca i social network tra cui Facebook, Twitter, Instagram, Reddit, Snapchat, LinkedIn, WeChat e blog personali, ma non menziona specificamente YouTube.

Bernal ha detto di non aver mai rivelato nulla nei suoi video che Tesla non avesse rilasciato al pubblico. “Le versioni beta di FSD che stavo sfoggiando erano prodotti di consumo per utenti finali”, ha affermato.

Ma i suoi video mostravano occasionalmente problemi con il sistema FSD Beta di Tesla.

Nel marzo 2021, ad esempio, AI Addict ha pubblicato un video intitolato “FSD Beta 8.2 Oakland – Chiudi chiamate, pedoni e biciclette!” Il che mostrava che la sua auto stava attraversando diversi “disimpegni”. È qui che l’FSD Beta chiede a Bernal di assumere manualmente lo sterzo per evitare pericoli. A 11 minuti e 58 secondi dall’inizio del video, il sistema Tesla FSD Beta inizia a rotolare in un incrocio mentre l’auto stava attraversando davanti alla Model 3 di Bernal. Ha evitato per un pelo di colpire l’altra macchina.

Da allora, questo video ha raccolto quasi un quarto di milione di visualizzazioni.

Dopo averlo acceso per la prima volta, Bernal ha detto alla CNBC: “Un manager del mio team di pilota automatico ha cercato di dissuadermi dal pubblicare contenuti negativi o critici in futuro che coinvolgono la beta di FSD. Hanno tenuto una videoconferenza con me ma non l’hanno fatto scrivi qualsiasi cosa.”

Secondo un’analisi del suo canale da parte della CNBC, quasi dieci dei 60 video che ha pubblicato hanno rivelato difetti nella beta di FSD. Tre dei video si concentravano su altri argomenti di Tesla e non discutevano della beta FSD, mentre altri tre video si concentravano su veicoli elettrici di altre case automobilistiche e non erano affatto correlati a Tesla.

Bernal ha condiviso screenshot e foto che indicavano che il suo accesso all’FSD Beta è stato revocato dalla società dopo la cessazione del suo impiego, sebbene non abbia ricevuto alcun “sciopero” a causa di guida non sicura o uso improprio del sistema. In genere, agli utenti FSD Beta sono consentiti diversi allarmi prima che l’accesso venga revocato.

La perdita dell’accesso alla versione beta di FSD nel suo veicolo ha limitato la sua capacità di generare revisioni del sistema. Tuttavia, ha ottenuto l’accesso ad altri composti con FSD Beta abilitato e prevede di continuare la sua ricerca e le sue revisioni indipendenti.

Bernal sapeva che avrebbe potuto attirare l’attenzione pubblicando recensioni oneste sulla beta di FSD. Ma fintanto che è stato onesto, ha detto, e date le sue opinioni generalmente positive sulla tecnologia, ha pensato che Tesla lo avrebbe permesso o almeno gli avrebbe detto ufficialmente se aveva bisogno di fermarsi prima di perdere il lavoro dei suoi sogni.

“Mi interessa ancora Tesla, la sicurezza del veicolo e la risoluzione dei problemi”, ha detto alla CNBC.

Libertà di parola, con alcune eccezioni

Il CEO di Tesla Elon Musk si è recentemente descritto come a Assoluta libertà di espressione. Ma la sua azienda automobilistica ha una lunga storia nel chiedere a clienti e dipendenti di non parlare pubblicamente di problemi con le loro auto o attività.

Ad esempio, come molte grandi aziende, Tesla richiede ai suoi dipendenti di firmare un accordo arbitrale che si impegni a risolvere le controversie con l’azienda senza azioni legali pubbliche. I dipendenti o i dipendenti temporanei possono impugnare legalmente l’arbitrato obbligatorio e talvolta essere rilasciati e continuare a trascorrere la giornata in tribunale, ma tali casi erano rari.

Tesla richiedeva anche ai clienti di firmare accordi di riservatezza in cambio del servizio.

Quando la beta di FSD è stata lanciata per la prima volta, come riportato in precedenza dalla CNBC, la società ha chiesto ai conducenti che erano entrati nel programma di accesso anticipato di essere selettivi o di astenersi dal pubblicare sui social media.

I regolatori federali per la sicurezza dei veicoli temono che la pratica possa avere un effetto agghiacciante e nascondere i reclami critici sulla sicurezza all’agenzia. Di conseguenza, hanno avviato un’indagine sul programma FSD Beta.

Entro settembre 2021, Musk ha dichiarato in una conferenza che la società non dovrebbe avere tali restrizioni di sorta. Ha detto alla conferenza del codice durante un’intervista con Kara Swisher che i tester della beta di FSD “non l’hanno seguito comunque”.

.

Leave a Comment

%d bloggers like this: